HOME Donna & Mamma Glossario Shopping

Home > LA NASCITA> Gravidanza e Parto: una nuova coscienza femminile, un nuovo protagonismo maschile

Gravidanza e Parto: una nuova coscienza femminile, un nuovo protagonismo maschile

Premessa

In Italia fino ad oggi sono state poco sviluppate indagini statistiche su gravidanza e parto e quando ciò è avvenuto le rilevazioni non coprivano l’intero territorio nazionale. Per anni l’informazione statistica ufficiale si è basata solo su dati presenti nei certificati di assistenza al parto che non permettevano di ricostruire la storia della gravidanza, anche se erano la fonte di importanti informazioni su modalità, luogo e tipologia del parto.

Con l’Indagine Multiscopo “Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari” condotta dall’Istat nel 1999-2000 su un campione di 60mila famiglie, viene affrontato il tema in modo complessivo: le informazioni rilevate permettono, infatti, di fare il punto sulla situazione della donna in gravidanza, durante il parto e dopo il parto. Il rapporto con i servizi, i corsi di preparazione al parto, il coinvolgimento dei futuri padri durante il parto, sono soltanto alcuni degli aspetti affrontati.

Le domande sono state rivolte alle donne che hanno avuto figli negli ultimi cinque anni e si riferiscono quindi all’esperienza di 2milioni e 439mila donne. Il campione è stato ampliato per garantire una maggiore solidità delle stime a livello regionale sulla base di una convenzione con Ministero della Sanità e Regioni. I contenuti relativi a gravidanza e parto sono stati progettati insieme al Dipartimento Pari Opportunità anche in virtù di quanto indicato dalla piattaforma della quarta Conferenza mondiale sulle donne di Pechino (1995) nel punto in cui viene affrontato il problema della salute riproduttiva nel più ampio contesto dell’uguaglianza di genere, dando indicazione ai Governi di prestare la massima attenzione al tema e di approntare tutte le misure necessarie perché le donne di tutto il mondo possano affrontare con serenità e sicurezza gli eventi cruciali della gravidanza e del parto.

La raccolta di dati statistici e di informazioni dettagliate su tali argomenti viene considerata un’assoluta priorità per individuare i fattori economici e sociali che ostacolano la salute di donne e bambine nel mondo. “Solo così le politiche sociali – spiega il documento - in favore delle donne, i servizi materno infantili e di prevenzione potranno essere tarati sui reali bisogni femminili.”

Successivo>

©MotherLife.com