HOME Donna & Mamma Glossario Shopping

Home > LA GRAVIDANZA > Infertilità di Coppia

Infertilità di Coppia

 

L’infertilità è un problema sempre più comune al giorno d’oggi a causa dei cambiamenti dello stile di vita e per la mancanza di una corretta informazione sulla prevenzione.
Per infertilità si intende l’assenza di concepimento dopo 12/24 mesi di rapporti mirati non protetti.


Le cause d’infertilità, femminile e maschile, sono numerose e di diversa natura, significativo è il ruolo di fattori sociali dovuti a diversi fenomeni come: lo stile di vita, l’obesità o l’eccessiva magrezza, la ricerca del primo figlio in età tardiva (molto importante l’età della donna), le infezioni sessualmente trasmesse, l’uso di droghe, l’abuso di alcool, il fumo, le condizioni lavorative e l’inquinamento.
Il vissuto d’infertilità è un fenomeno complesso, i cambiamenti presenti si inquadrano in un insieme di fattori tra loro fortemente embricati quali: storia personale, caratteristiche individuali e contesto ambientale.

Partendo da tali considerazioni, ci si interroga sui significati psicologici che l’infertilità assume per la coppia a livello individuale, sociale e relazionale.

L’incapacità a donare la vita può causare sentimenti di vuoto nella coppia, possono presentarsi crisi esistenziali individuali o di coppia. Talvolta una diagnosi di infertilità può dare origine a depressione, ansia, sentimenti di vergogna e fallimento per non aver potuto realizzare appieno la propria identità sessuale.

Causa spesso difficoltà nelle relazioni familiari e sociali, e tendenza all’isolamento. In particolare, tutte le occasioni sociali che propongono la presenza di bambini, rievocano il fantasma del "bambino desiderato", fanno riemergere di continuo l’impotenza a generare. Per le donne, la sofferenza può essere lacerante.

Molte di esse vivono l’infertilità con un carico di ansia e depressione paragonabili a quelle di solito connesse a condizioni gravi come il cancro. Decidere di affrontare l’infertilità espone all’incertezza, infatti, iniziare un percorso di PMA (Procreazione Medicalmente Assistita) significa, in primo luogo, essere disposti a tollerare l’incertezza del risultato a fronte di un investimento emotivo, economico e organizzativo enorme che può ripetersi più volte, e che pone la necessità di fare delle scelte molto importanti e soprattutto, di mettersi continuamente in discussione per decidere per quanto tempo ancora andare avanti, se adottare o accettare di vivere senza figli.

Per questo motivo è utile avvalersi di un supporto psicologico, che possa fungere da contenimento, per la coppia che decide di intraprendere un iter così complesso che va dagli esami diagnostici, alla procreazione assistita ed in alcuni casi all’adozione.

Dott.ssa Flavia Distefano

©MotherLife.com